mercoledì 24 luglio 2019

24 Luglio e un cambiamento: l'inizio

 Amici Miei, 
facciamo un breve riepilogo. Questo blog, come detto più volte, nasce su Splinder il 28 gennaio 2007 con un titolo particolare: Diario di un Cantarettista Malincomico. Così, con un'abile mossa, ci ho infilato dentro la musica, il cabaret, la comicità e quella vena di malinconia che pervade la mia opera omnia. Dopo poco però Splinder ha fatto kaputt, ce ne siamo andati tutti su Facebook (anzi, cronologicamente è successo il contrario) e io sono rimasto senza blog. Poi però ho deciso di riaprirlo qui, perché mi mancava questo fatto di poter scrivere per essere letto immediatamente. Passato qualche anno avevo in un certo senso cambiato mestiere, o, meglio, avevo aggiunto mestieri a mestieri, così mi sembrava d'uopo cambiare il titolo del blog in "Diario di un Cantarettista Cabaregista", in cui la malinconia scompare ma restano la musica, il cabaret e new entry il cinema. All'inizio mi seguivano una decina di persone, ma, diciamolo, l'epoca della gente che segue il mio blog è tramontata così ormai da molto tempo scrivo qui ma so già che non mi legge nessuno... nascondo le mie intimità nel luogo più trafficato del mondo, la Rete, e non mi vede nessuno!!! Fighissimo!!! E dico sul serio, perché comunque io mi libero degli intasamenti che mi bloccano il cervello, per cui la funzione del blog è salva. E poi c'è sempre la possibilità che qualcuno passi di qui, magari per puro caso, solo perché ha sbagliato strada. Fin qui, tutti concetti che abbiamo ampiamente enucleato in post passati. Qual è dunque la novità preannunciata nel titolo di questo post? Si impone la necessità di trovare un nuovo titolo al blog!

Intanto, non si può più chiamare Diario perché non scrivo assolutamente tutti i giorni... E poi questa faccenda del cabarettista mi sta sempre più stretta, quella del regista... bah... e anche la malinconia sta diventando sempre più nostalgia. Nel gennaio 2007 avevo 33 anni, ora ne ho ben 46... sarà cambiato qualcosa nella mia monotona vita...

Che ne so, "Parole private dette in pubblico"?
Chi mi conosce sa che Raymond Carver è il mio secondo poeta preferito (dopo T.S. Eliot. Approfitto per fare anche qui la famosa battuta: ma che nesso c'è tra T.S. Eliot ed Elio e le storie TeSe?) e Carver è uno degli scrittori di cui ho letto un libro sulla scrittura creativa. Io ho studiato scrittura creativa a Padova, con Giulio Mozzi. Il quale ha a sua volta scritto vari libri sulla scrittura creativa, tra cui proprio uno che si intitola "Parole private dette in pubblico". Posso forse io usurpare il titolo al mio maestro? No.
Ma perché ho parlato di Carver? Niente, solo per inserire la battuta su Eliot e le Storie T.S.
Però il concetto che voglio esprimere nel titolo è proprio quello, cioè parlare di cose totalmente mie che io metto in piazza, come qualsiasi scrittore fa, ma dichiarando apertamente (trattandosi di blog e non di fiction) che è la mia vita. "Sproloqui personali postati in Rete". Hm, potrebbe andare. Anche se "sproloqui" un po' minimizza i miei sentimenti. Ma lo si può anche considerare ironico, o addirittura segnale di umiltà! Come se possa davvero esistere una persona umile che scrive su un blog. No, possiamo essere brave persone, ma il fatto stesso che riteniamo che qualcuno possa leggerci ci spinge almeno un gradino al di sotto dell'umiltà. Però io non ritengo "davvero" che qualcuno possa leggermi, e i dati del blog lo dicono chiaramente: i miei ultimi post li ho letti solo io. Quindi sono umile! Sì!!! Sono umile, e me ne vanto! Ecco, forse lo chiamo coì: Sono Umile e Me Ne Vanto. Però poi dovrò scrivere solo cose a tema umiltà, modestia. vanità... pff...

Basta, c'ho sonno.
(CONTINUA)

____________
Buona Giornata,
Bac

Nessun commento: