martedì 31 gennaio 2012

31 gennaio e la dirittura d'arrivo.

Amici Miei,
sono in fibrillazione. Mancano ancora pochissimi giorni alla partenza di Abac Digital Studio, e le scartoffie mi soverchiano! Ora mi si è presentato un problema terribile: l'azienda da cui mi rifornisco in Inghilterra non può firmare documenti redatti in italiano. Quindi devo tradurre questi documenti in inglese. E tu pensi che sia una cosa facile? Il linguaggio burocratico non lo traduci come tradurresti un'intervista o la targhetta scritta sui finestrini dei treni! Lì è concesso tradurre "brando segugii", come direbbe l'amico Pasquale Chirivì, ma qui si parla di documenti ufficiali!!! Dovrò alzarmi presto per andare a fare visita al mio consulente (vi ricordo sempre che sono le due e venti di notte anche se l'orario messo in fondo al post dice tutt'altro...).
Sono sempre più immerso in questa nuova avventura, sento già che non ragiono più da cabarettista... un tempo la mia principale preoccupazione era quella di trovare nuove canzoni, nuove battute, e soprattutto nuove serate. Oggi penso a sceneggiature, case di produzione, distribuzioni, contatti con filmakers salentini e non; qui si tratta di entrare in un giro molto diverso dal mio, si tratta davvero di ricominciare da capo, devo farmi conoscere da nuove persone. Oggi come oggi da cabarettista qui nel Salento sono diventato quasi come quel famoso confetto: basta la parola! Tu fai il mio nome e tutti mi conoscono. Ma la gente di cinema è strana, non conosce i cabarettisti, a meno che non abbiano frequentato con profitto i palcoscenici televisivi... Alla fine ce la farò, perché tutte le volte e ripeto tutte le volte che ho voluto fare qualcosa alla fine poi l'ho fatta davvero. Io non ho più sogni nel cassetto: ho progetti da realizzare! È ovvio che bisogna farsi un mazzo tanto e in quello non sono sempre stato impeccabile... Però come mi è già capitato di dire, mo' basta! Basta con questi cagnulastri che ti sorpassano da destra, basta col vedere i capelli grigi spuntare sulla testa e ancora non mi hanno candidato a nessun nastro d'argento! E che diamine! Perdonatemi, stanotte straparlo: ho davvero sonno, e ne risente anche la sintassi. Avete presente quel crescendo di violini che si sente nei film horror e che in genere termina con l'urlo della protagonista? Ecco, siamo in pieno crescendo e l'urlo ci sarà il 17 febbraio. Quest'anno il 17 febbraio capiteranno un sacco di cose: il compleanno di mia nipote, la scadenza entro e non oltre la quale l' Abac Digital Studio deve partire, e la mia partenza in aereo per Torino dove farò uno spettacolo il 18. Cioè prenderò un aereo venerdì 17 alle ore 17. Se a questo aggiungo che il numero di telefono del mio contatto finisce con 666... meno male che il buon Massimo lo conosco bene e so che di lui mi posso fidare!!! :-D
Vabbuò va, andiamocene a letto che domani anzi più tardi, ci si deve alzare presto per tuffarci di nuovo nello scartoffiame!!! Buona notte a tutti e...

_____________________
Buona Giornata
Bac

domenica 29 gennaio 2012

29 gennaio e non si dorme

Amici Miei,
per qualche motivo torna il blog e torna l'insonnia. No, non è insonnia, lo sarebbe se stessi cercando di dormire nel mio letto... no, non sono proprio andato a letto... Fra è all'altro computer a finire un lavoro e io le faccio compagnia. Sono settimane che non riusciamo ad andare a letto prima delle quattro, ma oggi credo che batteremo qualche record. (In effetti sono le cinque di mattina, checché ne dica l'orario scritto in fondo al post...)
Ieri Luigi Mariano mi ha scritto su Facebook che dovrei postare su Youtube i video delle mie vecchie canzoni, quelle di prima che diventassi un cabarettista. Di primo acchito ho detto non esiste. Poi mi sono ammorbidito, sono diventato possibilista... In ogni caso l'idea si è insinuata tipo tarlo, e così ho rimesso su il mio vecchio cd datato 10 aprile 2001. Lo sto ascoltando proprio ora. Si sente malissimo, non so se si è rovinato il cd o se si è rotto anche il dvd rom del Pc (sono al Pc, il Mac lo sta usando Fra...)!!!
Ora dirò qualcosa di molto poco modesto: trovo che le mie canzoni siano bellissime!!! Vabbè, correggo un po' il tiro. Le mie canzoni mi piacciono moltissimo!!! Alcune sono in italiano, altre in inglese. Tra l'altro oggi che il mio inglese è migliorato credo che dovrei apportare qualche correzione... Nel booklet, rivolgendomi probabilmente ai posteri, ho scritto "Mi interessa soprattutto che [di queste canzoni] rimangano i testi, le musiche possono anche passare o essere dimenticate, le parole vorrei che non venissero mai messe nello sgabuzzino delle scope inutilizzate". Forse "ripostiglio" sarebbe stato meglio... Sgabuzzino non è sbagliato, ma è brutto. Vabbè questo ora non c'entra niente. All'epoca desideravo essere ricordato per i miei testi. Sono ancora d'accordo con me stesso. Sebbene le musiche siano (sempre secondo il mio MODESTO parere) più che appropriate, il punto forte delle mie canzoni sono i testi. Lo sono anche ora che scrivo canzoni comiche, d'altro canto io ho sempre detto di essere soprattutto un autore, uno che racconta storie usando vari mezzi.
"Se il tuo sole continuerà a scaldarmi
Diventerò vapore
E salirò su, sempre più su
Poi mi trasformerò in nuvola
Diventerò nuvola
Ecco i miei lampi
E arriva la pioggia"

Ohu, a me MI piace! Qualche giorno fa è venuto a mancare Giancarlo Bigazzi, il mio autore preferito. L'ho sempre ritenuto superiore a Mogol, il che è tutto dire. I suoi testi (soprattutto quelli che ha scritto per la meravigliosa trilogia di Umberto Tozzi: Poste '80 - Notte Rosa - Eva) mi hanno sempre molto colpito, sin da quando ero un imberbe scolaretto, anzi frequentavo ancora la chinde carte ALLA Germania (Kindergarten, ovvero l'asilo, per chi non è di Nardò). Vi faccio qualche esempio:
- "Please, una sigaretta
   Please, e poi dopo smetterò d'amarti" (Please)

- "La parentesi nel testo è per te anima mia
   poi non dirmi che non ho fantasia
   tu sei un raggio di luce
   che parla e che tace, l'unica voce che ho" (Fermati allo stop)

- "Sono a Roma Nord, chiamo a gettoni
    poi ti spiegherò va tutto bene
   torno stanotte ma non aspettarmi
   dormi tranquilla perché
   vado piano, fumo e penso a te" (Roma Nord)

- "Su di un marciapiede mi spavento
    dei prezzi di un ristorante
    e la mia chitarra chi ce l'ha?
    mangiata dal Monte di Pietà!
    Tre gettoni perché non si sa mai
    Tante volte chiamasse lei..." (La testa sui binari)

Potrei continuare per pagine e pagine... Questi testi sembrano così semplici, non è facile rendersi conto della loro bellezza. Eppure io ci vedo una profondità estrema, è davvero l'anima a parlare. Ah! Riuscire a raggiungere quelle vette!!! Un giorno o l'altro posterò qualche poesia di Raymond Carver, così potrete notare anche voi le somiglianze...
E vi lascio con un altro piccolo capolavoro: Amico Pianoforte, dall'LP "Notte Rosa"


_______________________
Buona Giornata
Bac

sabato 28 gennaio 2012

28 gennaio e il secondo primo contatto!

Amici Miei,
da oggi questo è ufficialmente il mio unico blog. E la cosa fantastica è che il 28 gennaio è anche la data in cui è nato il mio PRIMO blog, cinque anni fa!!! Di riffa o di raffa siamo arrivati a cinque anni, per un totale di circa 45000 contatti. Certo, siamo arrivati a 44000 nei primi due anni e mezzo, mentre negli ultimi due anni e mezzo praticamente ci siamo persi di vista un po' tutti. Colpa di Facebook, e non smetterò mai di dire COLPA di Facebook. Sui social network si tende a cazzeggiare, niente a che vedere con le risate vere e con i discorsi veri che si facevano sul blog! L'invito a tutti Voi è di tornare a divertirci seriamente qui! Io per parte mia non posso che continuare (o meglio, riprendere) a fare quello che ho sempre fatto, cioè parlarvi di me, mostrarvi le mie azioni ma anche i miei pensieri, farvi partecipi delle cose che amo, che non amo e che odio, aprire per Voi il mio archivio facendovi leggere, vedere o ascoltare "materiale inedito", un po' di tutto questo. Sapete, io ne ho bisogno. Da quando non scrivo più sul blog ho notato che sono peggiorato in almeno tre cose: 1) la mia scrittura non è più brillante come quella di un tempo; 2) i miei pensieri, il mio modo di ragionare si è in qualche maniera incrostato, le idee non circolano più liberamente nel cervello ma trovano ingorghi, ammassi di capelli, fondi di caffè, schifezze varie, oh guarda il tappino del dentifricio che avevo perso... Il blog è a tutti gli effetti un idraulico liquido, uno stura lavandini. Scrivere lubrifica. E 3) ci sono un bel po' di grumi anche nella mia anima, roba che si è depositata negli anni, roba che, come direbbero gli americani, "meglio fuori che dentro"... Allora: cominciamo a dare la prima botta di coltello su questo freezer congelato: si è rotto il DVD Rom del mio Mac. Che detto così sembra una cazzata, ma per uno che con il Mac ci lavora e ha continuamente bisogno di masterizzare non è roba da poco. Inoltre non è che di assistenza Apple sia piena la provincia... Ok, risolverò. Magari passerò al Blue Ray!!!
E a proposito di lavoro, in una mia intervista di qualche tempo fa (che potete trovare qui) dicevo che in futuro mi sarei spostato verso il cinema. Ebbene quel futuro si avvicina sempre di più, l'altro giorno avevo iniziato una specie di conto alla rovescia e credo che siamo all'incirca a -25. Non lascerò il cabaret perché non posso non esibirmi davanti a un pubblico: il "feedback" è qualcosa di cui non potrei fare a meno dopo  25 anni di onorata carriera sulle polverose e spesso 'lletticanti assi di un palco. Ricordatemi che devo postarvi le foto di un palco su cui mi sono esibito che era davvero, davvero spaventoso!!! Inoltre presto comincerò a postare dei video per farvi capire meglio in cosa consiste il mio nuovo (ma da lungi agognato) mestiere. Anche il mio cabarettismo cambierà lievemente e nella prossima fase diventerà ancora più musicale. Infatti dopo l'esperienza di "Bac-Casino & Gasolina" e di "Dove osano le Acure", di cui vi parlerò domani, ora sto iniziando a proporre una "soluzione" in trio: Io che suono alternativamente tastiere e basso, Pasquale Chirivì che suona alternativamente basso e chitarra, e un batterista a scelta tra i tanti con cui ho avuto l'onore di suonare. L'esordio del gruppo è avvenuto a dicembre con lo spettacolo "I tre giorni del condom", ma le mie cose sono sempre in evoluzione, chissà cosa succederà domani, chissà come si chiamerà domani lo spettacolo... boh... ;-)
Insomma di questo vi volevo parlare, di quello che è stato ieri, ma soprattutto di quello che sarà domani! Per troppo tempo sono stato troppo legato allo ieri. Mo' basta.

A proposito di "Domani"...


;-)

__________________
Buona Giornata
Bac

domenica 22 gennaio 2012

22 gennaio e il diario dello spettacolo

Amici Miei,
con il post di stanotte rinverdiamo i fasti di almeno tre tradizioni: 1) torna il "diario degli spettacoli", 2) Sto scrivendo alle ore 3,37 di notte (anche se l'orologio sotto al post dice diversamente...) e 3)... no, stiamo rinverdendo solo due tradizioni.

Ieri sera, sabato 21 gennaio, mi sono esibito per la quarta volta presso la pizzeria Lucignolo di Galatone. Ci sono molte cose da dire riguardo la pizzeria Lucignolo. Prima di tutto ho fatto quattro spettacoli ognuno diverso dall'altro: una volta da solo, una volta in coppia con Claudio Tuma, una volta in coppia con Luigi Mariano e ieri sera in trio con Fabio Capone e Davide Tarantino. Siamo arrivati lì senza uno straccio di prova, ma tra noi musicisti e amici di vecchia data basta uno sguardo e si va. Tra l'altro cantando "Carosa ti Pappagghianu" mi sono premunito di non fargliela sentire in anticipo: in pratica Fabio e Davide l'hanno suonata senza conoscere le parole: risultato, si sono scompisciati dalle risate, abbiamo dovuto interromperci e poi lo stesso Davide me l'ha chiesta come Bis!!! Colgo l'occasione per ribadire ancora una volta che io sono proprio un uomo fortunato: nel mio piccolo mi è capitato di suonare davvero con i migliori strumentisti salentini, gente di un certo calibro!!! La serata è filata via liscia liscia, tra vecchi pezzi suonati con nuovi arrangiamenti e improvvisazioni e battute a braccio. Presenti, tra gli altri, un gruppo di ragazzi che mi aveva già visto il giorno della befana al Piper Caffè di Melendugno. È stato davvero un piacere rivederli! :-) Peccato che come al solito a un certo punto l'ignoto invidioso di turno abbia mandato i Carabinieri a dirci di suonare a volume più basso! Cosa che purtroppo al Lucignolo capita con una regolarità sospetta... Secondo Voi, Amici Miei, quanto rumore stavamo facendo, considerando che non c'era neanche la batteria? Vergognatevi: pusillanimi invidiosi!!!
Un ultimo pensiero va alla titolare della pizzeria, Donatella ormai meglio nota come Milly. Da quando ci siamo conosciuti mi capita una cosa strana: in genere io quando finisco lo spettacolo mi fermo a chiacchierare cinque minuti col titolare, dopodiché carico gli strumenti in macchina e me ne torno a casa. Ebbene, quando vado da Milly se non si fanno le tre a casa non si torna!!! Questa sera ho voluto dedicare lo spettacolo a Milly perché come la mia vita sta per cambiare, così anche la sua sta per prendere una nuova direzione. Cara Milly un grande abbraccio e un grandissimo in bocca al lupo!

Questo è accaduto dalle ore 23,00 in poi. Ma in realtà ieri è stata giornata di Doppio Spettacolo! Sì perché nel pomeriggio alle 19,00 mi sono esibito (giusto per una ventina di minuti) presso l'Istituto Antonietta De Pace di Lecce. Mi era già capitato di esibirmi per i ragazzi e i docenti del De Pace l'autunno scorso, e quello di ieri è stato un lieto ritorno. Come sempre il tutto è stato possibile grazie all'intervento della docente (e soprattutto cara amica) Ada Perrone che ha coordinato il mio intervento all'interno della serata.

In chiusura di post vorrei farvi partecipi di una mia riflessione, che spero di poter approfondire magari nei prossimi giorni. Ho notato, rileggendo i vecchi post sul vecchio blog, che c'è stato un tempo in cui Vi parlavo davvero col cuore in mano, svelando anche molti aspetti molto privati della mia vita. Ora non lo faccio più, non riesco più a farlo... da quando mi sono fidanzato. Mi sembra che parlando del mio privato in qualche modo coinvolga anche la mia compagna. In realtà non è così, se parlo di me parlo di me e basta. Però, non so... sono aumentati i miei blocchi psicologici, non necessariamente nel senso negativo del termine. È una forma di protezione, e chissà che non sia un'altra delle tante forme dell'amore. E questo è un pensiero confortante.

________________________
Buona Giornata
Bac



mercoledì 18 gennaio 2012

18 gennaio e... ma cos'è quello?

Amici Miei,
questo inizio d'anno scorre via con una certa lentezza e uno strano senso di disagio. Per dirla con Bilbo Baggins, i giorni sembrano burro spalmato su troppo pane. C'è incertezza nell'aria, e un opprimente senso di anticipazione. Non va bene, il senso di anticipazione non dovrebbe essere opprimente, ma carico di speranze! Sta per accadere una cosa molto importante per la mia vita futura, ovvero l'arrivo dell'Abac Digital Studio, eppure la sensazione è... cioè, mi sto preparando a questo da almeno 32 anni, e ora che sta per arrivare ancora mi sembra di non essere pronto! So già che l'estrema pigrizia e anche noia che mi stanno sopraffacendo in queste settimane non le proverò più per anni: dal mese prossimo si comincerà a correre e a correre tanto. Sono un uccello sul bordo del nido, un paracadutista aggrappato alla fusoliera. Una vergine la prima notte di nozze.
Mentre scrivo, sulla destra del mio schermo compaiono le "impostazioni post". C'è l'iconcina di un orologio con la scritta "Pianificazione". Sono secoli che pianifico, grazie del suggerimento. Ma un po' di paura non può non esserci. Ecco, sono il titolare di un ristorante il primo giorno di apertura. Verrà qualcuno a mangiare da me? Le mie brave indagini di mercato le ho fatte, e devo dire che erano incoraggianti. Ma all'epoca ancora non c'era "la crisi". Se è vero che la crisi significa cambiamento, che cambiamento è? In meglio o in peggio? C'è qualcosa all'orizzonte, ma sono nuvole di tempesta come in Harry Potter? O è "un aereo, no: un uccello, no: è Superman!!!"?
...
Beh, a questo punto non resta che aspettare. Se dovessi fare un conto alla rovescia, direi che siamo a -30. Un mese. Accidenti: un mese!!! Ho tutto il tempo per darmi una mossa!


___________________
Buona Giornata
Bac

mercoledì 11 gennaio 2012

11 gennaio e La Mia Autobiografia Non Autorizzata - Prima Puntata

Amici Miei, 
eccoci qui con la prima puntata della mia mini biografia artistica. Biografia incompleta e non autorizzata.

Correva l'anno di grazia 2003 quando finalmente mi sono deciso a mettere su cd le canzoni che componevano lo spettacolo "Alzamene il Brodo", spettacolo che ho portato in giro a partire dal mio esordio nell'agosto del 1996, fino al natale del 1998. Questa la locandina, opera di Alfredo Ronzino (anche lui all'epoca alle prime armi come grafico).


A Pasqua del 1998 avevo pubblicato, per i tipi di Besa, un libriccino intitolato Alzamene il Brodo, che conteneva i testi delle canzoni con gli accordi per chi volesse suonarle a pasquetta, e in appendice un simpatico glossario per capire meglio le parole dialettali. Il libro è andato talmente bene che quattro o cinque anni fa l'ho leggermente modificato e ristampato. Ecco la copertina della seconda edizione.



Ma solo nel 2003 mi sono deciso a pubblicare il mio primo cd.
La qualità è pessima, ho cantato (anche abbastanza male) su alcune basi midi, e per la verità oggi non dico che mi vergogno del risultato, ma di sicuro vorrei poter lanciare sul mercato una versione del cd suonata come se deve. In ogni caso non era importante la qualità del prodotto, il fatto che le canzoni facessero ridere era già un successo sufficiente! "Alzamene il brodo" non è solo un best seller, è soprattutto un long seller! A quasi dieci anni di distanza riesco ancora a venderne delle copie. Sarà per il prezzo superpopolare, o, ancora una volta, per il fatto che "fa ridere". Di sicuro questo cd mi ha dato e continua a darmi tante soddisfazioni!!!


La track list è la seguente:
01. Sulu 'uci ("Solo voci" dei Pooh)
02. Spunta lu mieru intra 'll'otte ("Spunta la luna dal monte" di Pierangelo Bertoli e Tazenda)
03. Nessuno mi può 'ccumpagnare ("Nessuno mi può giudicare" di Caterina Caselli)
04. Filari e craggioppe ("Pensieri e parole" di Lucio Battisti)
05. Medley ti lu 'ntunicatore
               01. Chi 'mpasterà la tunica ("Chi fermerà la musica" dei Pooh)
               02. Malitetta Bitoniera ("Maledetta primavera" di Loretta Goggi)
               03. E la conza gghè mazza ("I giardini di marzo" di Lucio Battisti)
               04. Scudu, fracassu e cucchiara ("Pinne, fucile ed occhiali" di Edoardo Vianello)
06. Tu mi rrubbi l'andita ("Tu mi rubi l'anima" dei Collage)
07. Mena, sbattime l'oe ("You're the one that I want" dal musical "Grease")
08. Tetta ("Sandy" dal musical "Grease")
09. Brutta Stroppia ("Bella Stronza" di Marco Masini)
10. Iestite ("Yesterday" dei Beatles)
11. Lu semiasse non bale ("Se mi lasci non vale" di Julio Iglesias)
12. Nardò Nardò ("New York New York", dall'omonimo musical)

Su "Spunta lu mieru" devo dire una cosa: era l'unica traccia registrata con tutti i crismi, cioè non è una base midi! Solo la batteria è elettronica (programmata da Marco De Iaco) e il basso synth è suonato da Alex Zuccaro. Alla chitarra c'è Angelo Lezzi (che dice anche qualche parola nel coro) e alle tastiere sempre Alex Zuccaro. Per finire, Marco Tuma al flauto irlandese. Tutte le voci sono mie.

Una piccola curiosità: questo disco (e il successivo) sono stati ovviamente masterizzati e sputtanati in tutta la provincia e oltre: non esagero se dico che ha fatto il giro del mondo!!! Purtroppo però che lo ha masterizzato si è scordato di fotocopiare la copertina, per cui chi lo ascoltava, non sapendo chi fosse a cantare, si è inventato un nome: Li 'ntunicaturi ti Nardò. Per anni e ancora oggi quando vado a fare spettacoli la gente mi chiede: "Ah ma sei tu che canti queste canzoni? E gli altri?". Non ci sono altri, sono un solista, un monologhista! Gli 'ntunicaturi ti Nardò sono solo una leggenda metropolitana! Posso confidarvi un segreto? È una sensazione elettrizzante sapere di essere una leggenda metropolitana!!!

Ok, fine della prima puntata de...
LA MIA AUTOBIOGRAFIA NON AUTORIZZATA
_________________________
Buona Giornata
Bac

lunedì 9 gennaio 2012

9 gennaio e primi passi

Amici Miei, Rieccoci.
Comincio a muovere i primi passi in questo nuovo blog, e di sicuro la prima cosa che mi viene in mente è che dovrei metterci qualche immagine per renderlo più "accattivante". E poi, se è vero che sto per partire col mio studio grafico, dovrei anche in qualche maniera dimostrare di essere creativo. Beh, il mio stile grafico sarà all'insegna della sobrietà, questo è certo. Lo è sempre stato, come tutto sommato si evince dalle copertine dei miei cd. Scelgo una tavolozza di colori e in genere rimango fedele ad essa. Se andate a visitare il mio vecchio blog (fino a quando sarà possibile farlo) vi renderete conto di cosa parlo. Ma comunque il mio stile è il mio stile, quindi potrete vederlo anche qui. La consapevolezza è un fattore importante per un autore. Avere uno stile personale è fondamentale, ma essere consapevoli di quale sia il proprio stile personale è il primo importante passo verso la "maturitá artistica". Ok, posso cominciare col pubblicare le copertine dei miei cd, anzi posso addirittura associare la copertina con una breve biografia. Questo sempre nel tentativo di farmi conoscere meglio da Voi, Amici Miei. Abbiate fiducia: non vi poserò macigni sull'anima... Come scrittore sono abbastanza leggibile, la mia penna vola leggera sulla carta così come il polpastrelli sfiorano appena il touch screen del mio IPad. Già... Cominceremo domani.
______________
Buona giornata
Bac

sabato 7 gennaio 2012

7 gennaio e si Ri-comincia

Amici Miei,
riprendiamo a scrivere su un blog tentando di tenere il più possibile una cadenza pressoché quotidiana. Scriverò tenendo presente che molti di Voi già mi conoscono, ma tenendo anche presente che molti mi leggeranno qui per la prima volta, quindi spero di non sembrare ridondante, ma bisogna fare un riassunto delle puntate precedenti. Non vi dico nulla su come siano andate le feste per non scaricare addosso a voi le mie tristezze. Preferisco partire con lo spiegare il perché di questo nuovo "Titolo" del blog, e dopo parleremo degli ultimi spettacoli e dei progetti futuri. Il tutto mentre in sottofondo ascolto, per la prima volta nella mia vita, la versione integrale di "Atom Heart Mother" dei Pink Floyd. Non proprio un ascolto leggero...
Si comincia.

Diario di un Cantarettista Cabaregista.


La mia esperienza nei blog prende avvio su Splinder, a seguito di insistenti pressioni da parte del mio vecchio amico Luigi  Mariano, cantautore di vaglia, alla fine di gennaio del 2007. Quindi sto per compiere cinque anni da blogger! Anche se per la verità la mia scrittura era molto assidua nel primi due anni, anzi forse solo nel primo anno e mezzo, e poi è andata via via scemando, soverchiata anch'essa dall'avvento dei nuovi social network, che però (oggi me ne rendo conto più che mai) stanno ai blog come la televisione di Berlusconi sta alla Rai degli anni d'oro.
Il primo titolo che avevo dato al blog era "Diario di un cabarettista insonne", ed esprimeva esattamente quello che ero: un cabarettista che dormiva pochissimo, infatti quasi tutti i miei post erano scritti verso le tre le quattro del mattino. Fu un successo strepitoso, ero molto letto e i miei lettori erano sempre molto attivi nel rispondere, commentare, replicare, suggerire.
In seguito, alcune riflessioni fatte con degli amici e sicuramente anche la rilettura di quello che avevo scritto, mi fecero capire qualcosa in più su me stesso. Così venne fuori il secondo titolo: "Diario di un cantarettista malincomico", Dove in due "crasi" avevo raccolto "cantante" / "cabarettista" e "comico" / "malinconico". Ma chi mi conosce bene sa che il mio eclettismo non si può riassumere solo con "cantarettista". Infatti mi è capitato anche di curare la regia di un film e di un videoclip e di altre cosucce. Quindi bisogna aggiungere "regista". Il termine "Cabarettista" compare ora due volte, e questo è normale, poiché comunque quella di fare il cabaret è ancora la mia attività principale. Ma le cose molto probabilmente cambieranno a breve. In che modo? Ne parleremo più avanti, per ora facciamo un piccolo passo indietro.

Baccassino & Friends - Angeli Sulla Città


Mentre i Pink Floyd lasciano spazio a PJ Harvey, noi passiamo a parlare del mio quinto cd "Baccassino & Friends 2010 - Angeli Sulla Città". Uscito il 21 dicembre del 2010, contiene 12 canzoni, 8 delle quali sono una sorta di "Best" dei miei due cd precedenti "Pure le Pulci Hanno Sky" e "La Free del Lunedì Mattina", 3 sono brani che avevo già interpretato dal vivo ma che compaiono qui per la prima volta pubblicate su cd. L'ultima, che in realtà è la traccia numero uno "Angeli Sulla Città", è la mia prima canzone "non comica" mai pubblicata. I Friends del titolo sono un bel gruppo di artisti salentini che hanno voluto unirsi a me in questo che è a tutti gli effetti un progetto di beneficenza. I Friends sono tanti..., essi sono: Abash, Bambini Latini, Luigi Bruno, Ciciri e Tria, Davide Colomba, Giusy Colì, Combass, Luigi Mariano, Mike Minerva, I 4 dell'opa selvaggia, P40, Giulio Rocca, Alfredo Ronzino, Michele Russo, Antonio Settanni, Giulia Tedesco, Alex Zuccaro, Tommaso Zuccaro (Salentucantu).
Il ricavato dalla vendita di "Baccassino & Friends" verrà utilizzato per acquistare attrezzatura medica da donare al reparto di oncologia dell'ospedale Vito Fazzi di Lecce. Al momento circa la metà delle copie stampate è stata venduta, dobbiamo darci una mossa per vendere/acquistare le altre!!! Come fare ad acquistare una copia del cd? Semplice: partecipando a uno dei miei live da solo o con il mio gruppo "Dove osano le acure". Oppure ordinandolo via internet, per i dettagli visitate il mio sito a questo indirizzo.
In questo periodo sto organizzando delle serate di beneficenza in cui mi esibisco gratis (tranne qualche piccola spesa per l'amplificazione) allo scopo proprio di vendere i cd rimasti.
Se volete organizzare un "Bac & Friends Live" chiamatemi al 349 3964051.


And now: the future!!!

AbacDigitalStudio


Abac Digital Studio, anzi AbacDigitalStudio, senza spazi, è il nome della mia neonata casa di produzione cinematografica!!!  Ebbene sì: facciamo il grande salto e vediamo di far realizzare il sogno di quando eravamo bambini. Diventare un regista cinematografico è sempre stato il mio sogno, da quando avevo cinque o sei anni. Ho cominciato a credere che la cosa si potesse fare davvero nel 2008, quando ho scritto e diretto "Li Promessi Sposi", il mio primo e per ora unico lungometraggio, col quale ho vinto la prima edizione dell'Ecologico International Film Festival.
L'AbacDigitalStudio si occuperà di cinematografia: possiamo realizzare un film a partire dalla sceneggiatura fino all'uscita in sala e possiamo realizzare anche il dvd. Inoltre realizziamo effetti speciali visivi, computer grafica, color grading, sonorizzazione e tramite i nostri "partner" realizziamo anche le colonne sonore. Insomma: servizio completo!!! Ovviamente siamo ancora molto piccoli, ma cresceremo. L'attrezzatura all'avanguardia che abbiamo acquistato direttamente da Hollywood ci permette di farci gli smargiassi nonostante siamo ancora grandi sì e no come pulci.
Se volete realizzare il vostro cortometraggio o lungometraggio, o videoclip musicale, o spot pubblicitario, non esitate a chiamarci!!! Il numero è sempre quello 349 3964051.
Chiamateci anche per il vostro matrimonio, vi sapremo consigliare uno bravo!!!

Basta così, ho parlato troppo.
Alla Prossima!!!
________________________
Buona Giornata
Bac

giovedì 5 gennaio 2012

05 Gennaio, e rieccoci qui!

Amici Miei, 
morto splinder si passa a Blogspot!!!
Benvenuti, ci sentiamo presto!!!

_______________
Buona Giornata
Bac